Calamari in guazzetto con spinaci


Questa ricetta l’ho vista – non ricordo il nome utilizzato tuttavia – cucinata da Benedetta Parodi e, amando i calamari, ho deciso di sperimentarla, sfruttando anche degli spinacini freschi.

Vi occorrono, per 2 persone abbondanti:

 

  • 700 gr di calamari
  • 2 spicchi d’aglio
  • olio
  • peperoncino
  • vino rosso (un bicchiere)
  • spinaci (3 manciate abbondanti di quelli freschi o 3 / 4 cubetti se surgelati)
  • passata di pomodoro, 1 confezione media
  • sale
  • zucchero

Per prima cosa schiacciate l’aglio e lo rosolate in padella con olio e peperoncino a piacere, quindi pulite e tagliate ad anelli i calamari che poi farete saltare in padella con aglio e peperoncino, sfumandoli con il vino rosso. Una volta evaporata la componente alcolica aggiungete i vostri spinacini e li lasciate cuocere qualche minuto senza mescolate. Da ultimo aggiungete la passata di pomodoro, aggiustate di sale e zucchero e lasciate cuocere a fuoco dolce per 40 minuti.

20170512_193330

Annunci

Coniglio in padella e purè di cavolfiore


Dieta e gusto sono compatibili…anche se con qualche sforzo ai fornelli!

per prima cosa prendete:

  • c.d. sella di coniglio,
  • un cavolfiore medio,
  • una patata piccola,
  • burro,
  • una bottiglia di vino bianco secco,
  • rosmarino, salvia e noce moscata a piacere,
  • olio evo,
  • 50 gr di grana grattugiato,

Per prima cosa tagliate la sella di coniglio a pezzi, così da agevolarne la cottura, dopo di che la mettete “a bagno” nel vino bianco, così da farle assumere un sapore più delicato (ad alcuni il selvatico dà fastidio).

In una pentola mettete a bollire il cavolfiore, tagliato a cimette e la patata, rigorosamente in pezzi; dovrà bollire per circa 40 minuti, quindi frullate il tutto e mettete da parte per mantecare il purè con il formaggio e la noce moscata in un secondo momento, prima di servire.

Fate rosolare dopo 20 minuti a bagno il vostro coniglio, debitamente “scolato”, con un goccio d’olio, dopo di che continuate la cottura con altro vino per circa 40 minuti, aggiungendo da ultimo le spezie.

p.s. non vogliatemene ma ho deciso di far la foto soltanto a piatto quasi finito…quindi non rende, ma è venuto molto bene!

20170131_211939

Meatballs light


Se avessi il metabolismo del mio microcane (non di Pug) non avrei bisogno di pensare queste ricette…ahimè fino a quando il metabolismo non deciderà di svegliarsi…. condividerò con voi queste “trovate” per non rinunciare al gusto ma soltanto a qualche centinaio di kcal.

  • un petto di pollo o tacchino  medio grande
  • un paio di fette di mortadella
  • un uovo grande
  • 60 gr di parmigiano
  • spezie varie a piacere (io resto sul classico)
  • sale e peperoncino a piacere
  • olio per friggere
  • pangrattato
  • 500 gr di polpa di pomodoro

Ho dapprima fatto bollire il petto di pollo, quindi l’ho macinato insieme alla mortadella e ho messo tutto in una ciotola con un uovo, erbette aromatiche e il parmigiano grattugiato e quindi ho amalgamato il tutto e fatto delle palline che ho passato nel pangrattato e poi fritto in abbondante olio fino alla loro doratura.

Parallelamente ho preparato un bel sugo di pomodoro con la polpa di pomodoro, olio, uno mezzo spicchietto d’aglio tritato, sale/peperoncino e basilico.

Ho da ultimo fatto “rosolare” le polpette nel sugo ristretto (lasciato cuocere a fiamma dolce circa 15 o 20 minuti) 5 minuti e poi ho servito.

Moscardini con la polenta


Ahimè nell’ultimo periodo sono riuscita raramente a cucinare qualcosa di buono e, quelle rare volte, mi sono dimenticata di fotografarlo….detto ciò questo piatto è assai semplice ma senza dubbio gustoso, anche se andrebbe la polenta bianca (che non ho reperito nella fretta) anziché quella gialla.

per due persone (dose abbondante):

  • 600 gr di moscardini (poi si riducono con la cottura, perdendo i liquidi)
  • la dose consigliata sulla confezione per la polenta istantanea (così da guadagnare un po’ di tempo) ossia 3 bicchieri d’acqua e uno di farina di mais
  •  1 bicchiere di vino bianco secco
  • 600 gr di polpa di pomodori (io ho usato quella fatta da me)
  • 1 spicchio d’aglio
  • prezzemolo tritato se piace
  • olio EVO
  • sale
  • peperoncino in polvere
  • mezza cipolla piccola
  • olive nere se vi piacciono

In una padella molto ampia mettete lo spicchio d’aglio e 3 cucchiai d’olio; dorato l’aglio aggiungete la mezza cipolla tagliata finemente e dopo altri 5 minuti i moscardini debitamente lavati, li spruzzate con il vino e lo lasciate evaporare. Aggiungete in seguito il pomodoro e un bicchiere d’acqua all’occorrenza, salate e mettete peperoncino a piacere e lasciate cuocere a fuoco moderato per circa 35 minuti.

Quando sono quasi pronti aggiungete ai polpette le olive tagliate a rondelle e il prezzemolo ed iniziate parallelamente a preparare la polenta, da servire incandescente ;-).

Il mio piatto non si presenta bene – sai che novità! anche perchè ho avuto un piccolo contrattempo e ho atteso 5 minuti ad impattare la polenta che quindi non era perfettamente “liquida” – ma il gusto è stato molto apprezzato ^^

20170112_213130

 

Polpette di zucchine


Anche se non ai livelli della scorsa estate, anche quest’anno le mie piante producono zucchine in abbondanza e così, per variare, ho provato questa ricetta. Esperimento riuscito!

Ecco le dosi per un vassoio di polpettine:

  • 250 gr di patate
  • 250 gr di zucchine
  • 70 gr di pecorino grattugiato
  • 100 gr di farina 00
  • 2 uova
  • 100 gr di pangrattato circa
  • un ciuffo di erba cipollina
  • sale e pepe q.b. e olio per friggere

Per prima cosa fate lessare le patate con la buccia e nel mentre grattugiate (o tritate) le zucchine lavate e pulite per poi metterle da parte in un colino a fori stretti per far rilasciare loro l’acqua. Quando le patate sono pronte le sbucciate e schiacciate, come per un purè in una ciotola e vi unite le zucchine, il pecorino, sale e pepe, nonché l’erba cipollina tritata (la quantità varia a piacere). Lavorate il tutto con le mani e poi formate delle palline che metterete in frigo almeno un quarto d’ora. Trascorso questo tempo le passate prima nella farina, poi nell’uovo sbattuto e da ultimo nel pangrattato e friggete (mi raccomando, regolatevi con i tempi affinché l’olio sia bollente) per 4 minuti o finché non saranno belle dorate.

20160701_202523

Gateau di patate


Ricetta semplice e gustosa, premetto che quello di cui sotto è per due persone quindi dosi non dico dimezzate ma quasi, se tuttavia seguirete queste vi verrà un bellissimo gateau…e poi è molto buono anche scaldato il giorno seguente 🙂 vi occorrono:
– 600 g di patate (a pasta bianca sarebbe meglio)
– 2 uova medie
– 100 g di prosciutto cotto
– 50 g di scamorza affumicata
– 50 g di mozzarella (ma anche 100 di scamorza non é male)
-100 gr parmigiano o grana grattugiato
– 4 cucchiai di latte
– Pepe nero macinato
– burro
– pane grattugiato

Per prima cosa lavate con cura le vostre patate e le lessate (circa 40 min); nel mentre tagliate il prosciutto a cubetti come la scamorza e la mozzarella.
Quando le patate saranno pronte le schiacciate come per fare il purè (ecco perché al bisogno secondo me – ma devo ancora provare – è possibile usare, per due persone, una busta di puré istantaneo), con lo schiacciapatate in una ciotola.
Vi aggiunte poi il formaggio grattugiato e quando si saranno raffreddate un attimo, mescolando il tutto, le uova, il latte a temperatura ambiente, prosciutto e formaggi a cubetti e, per finire, un paio di macinate di pepe.
Mescolate per bene e imburrate una teglia con bordi abbastanza alti, vi mettete un filo di pangrattato, quanto basta per formare uno strato sottile sottile e quindi vi versate il composto.
Terminate con una bella manciata di pangrattato e altro formaggio grattugiato.
Coprite infine con carta stagnola e infornate per 15 Min a 200°; trascorso questo tempo togliete la stagnola e proseguite la cottura per altrettanti minuti.
Servite dopo 5 Min che avrete tirato fuori il gateau dal forno.

image

Pollastrino in padella con patate


Da piccola lo adoravo e oggi…beh evviva la nostalgia 😅
Il senso di potenza che ti da il mangiarsi un pollastrino intero é impagabile!
Ho preso:
– un pollastrino
– 1 patata
– due dita di burro
– goccio di vino bianco secco
– salvia e rosmarino e uno spicchio d’aglio.
Aprite il pollastrino, mettete il burro in padella, la patata tagliata a metà, aromi vari e aglio e fate cuocere coperto per 30 minuti.
Una sciocchezza da fare ed é buonissimo!!

image