Arancini


Adoro le ricette siciliane, credo si sia capito, ma fino ad ora non mi ero mai cimentata negli arancini…. sono un po’ macchinosi, ma ne vale assolutamente la pena! Le dosi di seguito – ho scelto la ricetta che mi ispirava di più e che mi sembrava più attinente all’originale – sono per 9 arancini, potete poi dividere le dosi così da ottenerne anche meno, con tutto che prima di friggerli potete anche congelarli. Per il risotto: (andrebbe allo zafferano, io per questa volta ho provato senza, lo metterò quando li farò con prosciutto e scamorza… non me ne vogliano i siciliani doc, io sono semplicemente una dilettante che ama mangiare 😉 )

  • 250 gr di riso
  • 30 gr di parmigiano grattugiato
  • 1 uovo

Per il ripieno:

  • 1/4 cipolla bianca
  • 100 gr macinato
  • 100 gr di passata di pomodoro
  • 50 gr di piselli sgocciolati
  • 60 gr di caciocavallo

Infine un uovo, pangrattato e olio per friggere (abbondante, così vi sarà molto meno odore). Per prima cosa dovete preparare il riso, a cui unirete a cottura praticamente ultimata uovo e formaggio grattugiato, mescolando bene affinchè il tutto si amalgami; successivamente lo stendete su di un piatto ampio e lo fate raffreddare (non per niente leggevo da qualche parte che l’ideale sarebbe il risotto avanzato, quindi potete farlo anche la sera prima come ho fatto io). Il “bello”arriva ora, con il ripieno (pur preferendo il ripieno prosciutto e scamorza, per esigenze esterne e per mantenermi fedele alla tradizione ho provato il tradizionale): Fate rosolare in padella la cipolla tritata finemente, quindi – attenzione a non farla bruciare – unite la carne macinata, salate leggermente e sfumate tutto con il vino a fiamma alta. Lasciate cuocere un minimo e quindi aggiungete la passata di pomodoro, ora deve cuocere per 20 minuti con il coperchio, dopo di che vi versate anche i piselli sgocciolati.

Quando il riso sarà freddo ne prendete un cucchiaio e, mettendolo su di una mano, lo farcite con un bel cucchiaio abbondante di ripieno e un pizzico di formaggio, per poi chiuderlo, dandogli una forma che dovrebbe essere a pera ma, nel caso dei miei, non è riuscita e quindi ho dato loro la classica forma arrotondata.

Giunti a questo punto farebbe comodo la classica “catena di montaggio”: passate gli arancini in una ciotolina contenente l’uovo sbattuto e successivamente nel pangrattato; da ultimo li friggete in abbondante olio bollente, girandoli ogni tanto delicatamente così da farli dorare in modo uniforme. Li sollevate con la schiumarola e li poggiate sulla carta assorbente. image

Annunci

6 thoughts on “Arancini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...